Un bambino contro la deforestazione.

 

Esistono degli eroi al giorno di oggi con un aspetto diverso da quello dell’immaginario pubblico. Sono piccoli e non solo di statura, ma anche di età, perché di bambini si tratta. Dei piccoli esseri umani capaci di grandi sogni e di grandi imprese, che riescono ad arrivare laddove gli adulti non credono più che sia possibile giungere. Un’impresa di grande coraggio iniziata quando l’ideatore, Felix Finkbeiner, che oggi ha 13 anni, ne aveva solo 9. Seguiva le lezioni a scuola in cui si parlava di fotosintesi clorofilliana, dei problemi globali dovuti al disboscamento ed ha avuto una visione, una illuminazione. Decise, quindi, che avrebbe piantato un milione di alberi. E’ oggi riuscito nella sua impresa e non solo. Viaggia in tutto il mondo con la sua associazione denominata ‘Plant for the Planet’ e ha anche dei collaborati, per l’esattezza 23 e sono tutti rigorosamente bambini, di circa 12 anni. Hanno tutti le idee molto chiare rispetto agli obbiettivi che si sono prefissati. Girano il mondo per diffondere il loro progetto e cercare una soluzione pratica al problema ambientale e si dicono delusi dal mondo degli adulti che tanto parlano e poco agiscono in favore di un mondo che di fatto è di tutti. Si dicono viaggiatori del mondo, hanno una visione d’insieme molto più ampia di quella che hanno gli adulti che spesso si chiudono nel loro piccolo mondo fatto di quotidianità e ignorano ciò che invece dovrebbe essere una priorità di tutti.

Il loro programma si basa su tre punti fondamentali : eliminare tutto ciò che produce anidride carbonica, Eliminare le emissioni di carbonio. Effettuare una riforestazione.

Questi bambini hanno le idee chiare anche su tematiche importanti come i cambiamenti di clima dovuti alla deforestazione, ma sanno anche quanti problemi burocratici esistono per ottenere risultati pratici. Ma sono tenaci nel perseguire i loro obbiettivi ed il loro intento è quello di riuscire ad assoldare altri piccoli grandi eroi in giro per il mondo così da dare inizio ad un cambiamento nelle prossime generazioni di adulti, così da responsabilizzare chi abita e vive in questo Pianeta. Come non dargli ragione e come non rendersi conto che forse abbiamo tanto da imparare da Felix e i suoi compagni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.