Parlami della pioggia

Parlami della pioggia delle menti
quando si arresta
il soffio del grecale
e le parole trovano lo Stau
dove impattare.
Parlami del blocco interno ai lumi
ove quando hai bisogno di pensieri
lor si acquattan sottobanco
ad aspettar che l’Amarcord bagni i suoi piedi
e passi silente il guado della brama.
Parlami della pioggia
che bagna le acque limpide
di alghe, sassi  e trote
mentre dall’altra sponda sei arrivato
E l’istante non trovato è ormai passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.