Love story .l’ultimo bacio

Ultimo giorno in maschera,

una festa scolastica, ed io l’avevo invitato.

si lo conoscevo da poco ma era il cugino di una vicina di casa .anche lui abitava nello stesso palazzo,

e la sua camera era proprio sopra la mia.

Abbiamo ballato per tutta la festa, ci siamo baciati emozionati, come due ragazzini, 

e lui era davvero un ragazzino , aveva quattro anni meno di me ed era minorenne.

A quel tempo si era maggiorenni a ventuno anni.. lui ne aveva 20.

Il giorno dopo non ci siamo visti e neanche gli altri giorni , così per tutta la settimana.

Avevo pensato fosse uno  scherzo quel bacio ,pensavo ad un ripensamento..

Ma il lunedi lo vedo, all’uscita dall’ufficio, mi viene incontro e tutto in un fiato mi dice:

il carnevale è finito.. non è uno scherzo .. io ti amo veramente.

la mia gioia è troppo grande  ma  non riesco a dire niente lui mi bacia in mezzo alla strada

ed io non sto piu a pensare alla gente , gli butto le braccia nel collo e lo bacio .

Giorni meravigliosi ! ma tutto in segreto.. nessuno doveva sapere , ci avrebbero ostacolati.

ma qualcuno spiava i nostri passi , la cugina vedeva quando mi ritiravo io , e dopo un poco 

vedeva lui..e cosi’ informo’ i suoi genitori.

Io, ero un ostacolo ai suoi studi ..lui doveva laurearsi , era iscritto in agraria, ma avrebbe

voluto seguire un’altra strada.

I suoi genitori decidono di andare al paese per un periodo, lui fa appena in tempo a mandarmi un biglietto tramite una sorella che era dalla nostra parte, 

mi spiega che i suoi lo contrastavano che non avremmo potuto vederci ma mi avrebbe scritto , avrebbe dato le lettere ad un  amico ed io dovevo indirizzare le mie a lui.

le lettere arrivavano ,tutti i giorni un espresso ed io anche due al giorno. le mie lettere dopo averle lette le nascondeva dietro un capezzale.

il telefono suo padre lo aveva nascosto in un armadio e chiuso a chiave.solo una vota riesce a scappare  e venire da me, mentre i suoi genitori andavano in un altro paese per una cresima.

ma il silenzio , la tranquillità desta sospetti .. il padre comincia a cercare e trova le lettere , in una delle lettere legge:tuo padre non potra ostacolare il nostro amore . noi ci ameremo per sempre , e’ cattivo con te perchè lui non ha mai amato nella sua vita,

queste parole hanno incrementato ancor più il suo odio per me..voleva vendicarsi..

voleva a tutti i costi che suo figliofacesse quello che voleva lui.. e nei sui programmi   io non c’ero .

dopo circa due mesi tornano dal paese , io riesco a vederlo raramente.. 

 

Era un giorno come un altro, uno di quei giorni di freddo umido, che entra nelle ossa e ti fa star male,

Avevo dei brividi, ma sapevo che non era per il freddo avevo la sensazione che stesse per

succedere qualcosa, e la notizia non si fece attendere oltre.

Mi affacciai al balcone e non mi fu difficile capire,sotto c’era un camion che caricava mobili,

se ne andavano, traslocavano– 

riesce ad uscire , vuole parlarmi ..ed io sento che c’e’ qualcosa di strano in lui.

siamo seduti sulla macchina , lui piange ..mi prende la mano e mi sfila l’anello, mi dice:

ci dobbiamo lasciare .. ma io ti amerò sempre .. un giorno tornerò e ti porterò via , quel giorno nessuno potrà 

impedirci di amarci.poi mi consegna  una cassettina con incise delle canzoni che aveva registrato per me…sono canzoni che ho cantato per te , ascoltale e pensami  .un ultimo bacio tra le lacrime ,straziante mentre grido:perchè perchè

 ma lui scende dalla macchina e corre senza voltarsi.

Ascolto la sua voce..eternita’ la lontananza, mamma mia  ..la sua voce mi entra nell’anima ..

 

La nuova abitazione non è molto distante da casa mia , lo vedo più volte con amici cerco di fermarmi ma lui scappa

poi riesco a bloccarlo.. gli dico che si comporta come un bambino.

e lui… si voglio essere come un bambino non mi cercare piu’.

la verità di questo allontanamento.. una promessa fatta a Dio ..perchè anche la madre stava male

Lui avrebbe rinunciato a me .. purchè non le avesse tolto  la madre. 

passano diversi mesi..

io ho evitato di vederlo,

non l’ho cercato più.

Un giorno la cugina mi chiama .. è tutta agitata , mi dice:

Mario e’ grave, ha avuto un incidente..e’ in coma 

Non sapevo più cosa fare mi sentivo impazzire , volevo vederlo!

poi anche in una radio locale sento dell’incidente, ha una emorragia interna 

ed occorre sangue di gruppo A negativo.

mi presento all’ospedale .. 

sua sorella nel vedermi urla che non devodargli il mio sangue..

il medico la prende dalle spalle e le urla che è una pazza

a vietare una persona a dare sangue… suo fratello sta morendo! e lei non vuole? vada via!.

Il mio sangue era di un gruppo diverso.. 

io non ho potuto fare niente..

durante il periodo che era all’ospedale, in coma , suo padre muore .lui non sa niente.

si risveglia dopo circa un mese , parla, grida si agita ed inveisce contro il padre dicendo: e’ colpa tua !!

è colpa tua!!

Io vado a trovarlo, ha gli occhi chiusi, mi avvicino e lo bacio, ma lui gira la faccia dall’altro lato come a scansarsi.

io mormoro : non fa niente ed esco.

Quando si rimette , zoppica un poco..Poi si fa vedere con una ragazza..

il cuore si fa in mille pezzi.aveva cercato un’altra , io non esistevo più per lui.

poi tutto si capovolge.. cerco di non pensare più a lui.. lavoro  non ho un minuto libero..

un ragazzo che non aveva mai smesso di togliermi gli occhi di dosso anche mentre ero con Mario .. si fa avanti..

mi affeziono a lui.Strana la vita ..e’ nato lo stesso giorno e mese di Mario e come secondo nome .lo stesso secondo nome di Mario. ancora  qualcosa di strano…ci fidanziamo nello stesso giorno e mese  in cui mi fidanzai con Mario. .come  se Dio me lo avesse mandato per farmi dimenticare Mario..  ho tanta voglia di crearmi una famiglia .. di avere tanti figli maschi , una squadra di calcio proprio come diceva Mario..

ho vinto un concorso  , sono andata fuori sede .. e stavo veramente  formando una squadra di calcio..

Mario.. non l’ho visto più .. dalla cugina ho saputo che vive a Padova, è sposato ,ha dei figli ..si è laureato in medicina e fa   il medico ortopedico.

Però mi piacerebbe vederlo, incontrarlo anche se sono passati 43 anni.

Check Also

La fatal Teresa

Lavoro tra i tavoli del “Grand Hotel”, sfarzoso locale in stile barocco dove la gente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.