Il tempo che lascia e che muore


 

E’ come se

la mia vita posseduta

avesse l’istinto primario

d’amarti

 

come la pioggia

d’accasciarsi

al suolo immobile

e ramificar ragione

 

oppure

il tuono

lambiccarsi nella tempesta

ed implodere

nel bel tempo

 

il tempo che lascia e che muore

 

s’esistesse menzogna in me

mi abbraccerebbe d’intorno

 

truffandomi

 

d’una passione

dannatamente sola

 

fosse l’ultima goccia

d’un martirio vagabondo

 

che al suolo

così immobile s’affaccia

 

ma anche se di sangue è intrisa la terra,

 

io vivo

 

 

 

Dark angel

 

Check Also

“Il Dono più Bello” intervista con l’autore Ivan Caldarese

  Ivan Caldarese nasce a Milano nel 1977. Il suo libro, “Il dono più bello”, edito da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.