Il giorno dell’addio

Sono divenuto lava
-rovente e viva –
nell’ultimo atto di questa mia vita
Come un lapillo incendiario
volo in te
farfalla in fasce
che piangi di fronte alle mie esequie
Ti avvolgo come calura estatica
-fiamma docile d’ultimo amore-
fino a raggiungerti nell’ego
e far di esso il mio eterno guanciale
Non rimarrai sola con le angosce del vento,
neppure adesso che son aria
nitida e astratta
Mi aggroviglierò alla tua chioma
e seminerò le mie poesie
affinché tu potrai intonarle al fuoco
e farne pasto per i tuoi robusti figli
Nell’ora del mio sommo respiro
sarò vestito a festa
tra l’effluvio di camelie e incensi episcopali
e dal verso dell’infinito
rassegnerò la mia ultima lirica a te
mia amata fanciulla in fiore
m’innalzerò sul mare
pulsando come nuovo cuore
sinché i cieli
non mi daranno in dono le mie rette ali…

Check Also

Fu perso

Cadde ascoltando il motivo del verde dei miei occhi.   Mi escluse mi annientò e fu …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.