I nostri cuori di Cristina Rotoloni

I nostri cuori sono lapidi incise

sui muri di queste città.

 
 
Poeti, artisti, scrittori. Teatranti senza spettatori.

La musica è il latrato di un cane calpestato.

Siamo uomini messi all’angolo, ma ancora speriamo

negli spruzzi del mare al sorgere del sole. Nel vento che porta la prossima emozione.

 
 
I nostri cuori sono lapidi incise

sui muri di queste città.

 

Carri funebri di voci innocenti. Scarpe rosse di combattenti cadute a metà.

Ma lo sguardo fissa lontano oltre i limiti delle nullità.

Palpita inseguendo il canto, vola sulle ali di un nuovo traguardo.

 

I nostri cuori sono lapidi

incise sui muri di queste città.

 

Sieri spietati che mettono radici. Unghie spezzate su padri feriti.

Rimmel collato su inchiostro sbiadito.

Ma noi siamo il sorriso sdentato di un bambino. Petali che si rincorrono nei raggi del mattino.

 

I nostri cuori sono lapidi incise

sui muri di queste città.

 

Gocce salate di sangue rappreso. Carezze negate nell’odio sommerso.

Lamento di un’anima spazzata dal disprezzo.

Salvata dal coraggio di chi sa essere diverso.

 

I nostri cuori sono lapidi incise sui muri di queste città. Germogliano al sole senza pietà.
 
(Immagine Pixabay by No longer here)

Check Also

Voce nel vento di Katia Debora Melis

Voce del vento che incanta e solleva il dolore di un povero cuore fin sotto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.