Il labirinto della vita – ( tratto da piccole gocce di rugiada)

IL LABIRINTO DELLA VITA .

La vita è un labirinto dove

tutto è possibile

e niente è certo.

Si cammina convinti

che questa sia la nostra strada

la strada giusta

ma

quando si raggiunge la fine

incontriamo un bivio.

Quale sarà la nostra scelta?

Prenderemo a destra o sinistra

ma qualsiasi scelta verrà fatta

porterà dei cambiamenti e delle mutazioni.

Da cosa è stata dettata la nostra scelta?

Dal cuore , dalla testa?

Forse a destra siamo stati attirati

da un luccichio dorato?

Nella vita

“non è tutto oro quello che luccica”

cita un famoso detto.

 Dove vi ha portato la strada luccicante?

Perché non avete intrapreso l’altra

forse troppo difficile

irta di ostacoli

avete scelto la via più facile!

Nella vita nessuna strada

è facile da percorrere

ma alla fine ogni ostacolo

rimpicciolisce,

neanche gli ostacoli

durano per sempre.

Io ho scelto il bosco buio

gli alberi erano così fitti

che alla luce del sole

non era permesso entrare.

Udivo nella selva oscura

rumori infernali ero così spaventata!

Ma non mi arresi

andai avanti

comunque.

Inciampai su una strana radice

che usciva dal terreno

come un serpente,

mi sembrava di sentirla muovere

come se

cercasse di raggiungermi

per inglobarmi nel suo essere.

Mi guardai attorno, i rami degli alberi

mostruosamente deformati

si muovevano all’unisono

come se sentissero una melodia lontana.

Qualcosa

mi spiava dai neri cespugli

vedevo scintillare occhi affamati

dovunque.

 

Non devi scoraggiarti

vai

incontra il tuo destino!

 

Continuai a camminare e

ordinai alla mia mente di non vedere.

A volte

fingere di non vedere

è il modo migliore

per superare

una situazione che ci spaventa.

Il bosco si era diradato

la luce mi accompagnò

nel cammino

udivo il cinguettar degli uccellini

centinaia di fiori colorati

ricoprivano questa immensa prateria

 il profumo era delizioso

mi rallegrava e sollevava l’anima

allontanando il buio

che vi regnava prima.

Vidi in lontananza

ma cos’era una casetta?

Mi avvicinai saltellando

felice bussai .

Sentii canticchiare dietro la porta

e una magnifica nonnina mi aprì,

mi fece entrare

mi chiese cosa ci facevo

sola soletta in giro

mi offrì

una tazza di tè caldo con i biscotti

fatti da lei.

Mi sedetti

lei si allontanò lasciandomi sola.

Mi guardai attorno

avevo la sensazione che qualcosa

fosse cambiato

ma non capivo

presi la tra le mani

la tazza fumante

ma

il tè aveva assunto

una colorazione scura

 troppo scura

qualcosa di nero nuotava dentro

feci cadere la tazza

mi alzai di scatto

e arrivò lei

oddio…

ma dove era finita

la dolce vecchina?

Mi sorrise

la bocca era un pozzo nero

guardare dentro

avrebbe fatto impazzire chiunque

i denti erano lunghi e aguzzi

e il fetore che emanava

riempiva la stanza

ti soffocava.

Corsi fuori e sentii l’eco di una risata

che mi fece rizzare i capelli.

Non bisogna

mai

fidarsi delle apparenze

dietro

ogni cosa bella

può nascondersi un’insidia.

Nella vita

bisogna imparare a vedere

le cose

 come sono in realtà

con onestà coraggio e razionalità.

Ripresi il cammino

la paura era scemata

mi sentivo più forte

fiduciosa ero felice

come se

mi fossi tolta un peso dal cuore!

Adesso niente

mi avrebbe più spaventato

mi sentivo più forte.

Continuai il cammino.

Ancora adesso

vado avanti

con coraggio e saggezza

senza farmi incantare

da falsi tranelli.

Signori

questo è il cammino della nostra vita

irto di difficoltà e pericoli

gioie e dolori.

La differenza sta

nel come

ognuno di noi lo affronta

questo cammino!

La vita richiede coraggio

determinazione

ottimismo e forza.

 Se hai tutto ciò

nonostante la tua strada sia

piena di pericoli ed incognite

arriverai alla fine

con un bagaglio di saggezza

enorme .

Con un sorriso libertino stampato sul viso….

Niente potrà mai vincerti….Se tu non lo vuoi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Check Also

Ma ci sono ancora le stagioni?…. di Patrizia Palese

“Buongiorno signora Carla, il solito panino integrale e due etti di ricotta?” “ Niente ricotta! …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.