E sono qui..

E sono qui
ad elemosinar l’affetto
ora che la malattia
ha trasformato il corpo
e sulla testa un bel foulard
nasconde il capo
denudato dal ‘trattamento’
E questo vomito che mi disordina l’anima
e non è il dolore che mi stordisce
ma la non-speranza che possa  finire
E tu artefice della mia vita
ancora qui a regalarmi vita
per esser forte e affrontar la morte
E questo silenzio che
riecheggia tra le mura
come presagio di quel silenzio
che nell’eterno già mi attende
E tu impotente
con la tua sofferenza
nascosta tra capelli  e occhi
mi culli tra le braccia
e non pensi a nulla
Mi ninni come bimba
nel ricordo di un passato
che diverrà ricordo
racchiuso in una foto
Sognerai il mio viso
come un angelo del cielo
ed io chissà
forse tornerò da te
E se mi è concesso in questo sordo dolore
vorrei sublimare questi miei pensieri
lasciandoli vagare come polvere d’argento
ora che ho te di nuovo accanto
ancora per un momento posso rimandare il pianto….

Check Also

Corpus

Era acida visione liquida fiamma sulle mani scure un diamante. Era un tragico sonno tra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.