Di nuovo una stella

Camminando in quest’ombra
è comparsa di nuovo.
Come un lieve sorriso
ha tagliato quel monte,
come un breve sospiro
ha allagato il mio cuore.
E’ comparsa dal nulla,
tra i ricordi passati
ed un freddo annunciato
ha donato ai miei occhi
cristalli di ghiaccio:
ed è stato tornare
così come è tornata di nuovo una stella,
e con lei che ogni anno veleggia,
aggrappato alla scia
ho allungato lo sguardo
tra spirali di nebbia.
Come un fuoco che pazzo sfavilla,
ma ti lascia cullare,
come un bimbo e la sua tenerezza,
in un tenue notturno sfavillare
l’ho intravista stupito,
e colpito da tanta bellezza,
son rimasto a guardare.
Ho nel cuore quei passi,
nelle ossa i tremori
di un freddo patito,
nelle orecchie il tuo grido.
Ma si accende la notte
e mi porta il mio sogno di sempre:
un frammento di stella cometa
che sembra ch’io possa afferrare,
agganciato a una coda pendente
per cercare
un fruscio od un suono
non ancora sentito,
mentre foro la nebbia con gli occhi,
e la seguo… con la punta del dito.

Check Also

Il tiranno

Sei l’ombra di un sintomatico maleche logora l’egogonfiato dal disprezzo. Sei il mutevole giocod’un sapiente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.