Sconosciuto.

Annuso il fresco profumo della tua pelle impresso sul maglione
 stropicciato sul mio letto. Socchiudo gli occhi per immaginarti,
 per seguire il tuo profilo, per rubare ancora un attimo al tuo
 ricordo che vuol fuggire.. Un giorno ancora, nell’incertezza di
 rivederti, mi struggo all’idea del tuo rapido passaggio..come un
 soffio leggero nell’arida estate…

 I tuoi occhi nei miei, fusione di due mondi sconosciuti ma paralleli.
 Le tue labbra tra i miei denti, il respiro ormai affannato,il tuo corpo
 contro il mio, i tuoi capelli tra le mie mani…
 
 Ricordo il modo in cui mi guardavi,
 ricordo l’odore della tua anima,
 il colore di quella notte,
 il sapore amaro di quel risveglio solitario
 
 ……non ricordo la tua voce….

Check Also

Ti immagino

TI IMMAGINO Un racconto di Marco Mazzanti Poche ore, ancora, e sarai qui. È stato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.