Volevo una carezza

Volevo una carezza
al sapore d’amore
mentre i giorni correvano lieti
regalando agli anni un po’ di maturità
Ed io volevo una carezza
solo una carezza
che mi addolcisse quell’amara
e sordida solitudine insistente
e mi lenisse quel dolore sordo
del sentirmi inadeguata
differente dallo sciame di bambini
che mi vestivano quei giorni
spogliati di felicità
Bastava una carezza
per sentirmi leggera e più bella fuori
per poter mostrare il dentro
senza inciampare nel timore
E senza quella carezza
mi ritrovai a vagare
tra le sterpaglie fitte
di un intricato malessere
in cui rimasi intrappolata
e zoppa fino a quando ricordai
di poter essere ancora me stessa
Ma sarebbe bastata una carezza
                   papà.

Check Also

Una stella fra tanti fiori

Immersa nell’universo tra tante luci ti ho scelta, come se fossi sempre stata mia, poi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.