Verbaluce

Dialogo col pallore

di un’orchidea ricurva.

 

Chino io stesso

a sfiorare la trascendenza

del colore.

 

Pari all’immediata

scioltezza della tua pelle.

 

Del vaso trafiggo

la stolida trasparenza

di poche dita d’acqua.

 

Ti scorgo in un riflesso,

adorata, dorato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.