Una timida pioggia di fine Febbraio

Una timida pioggia di fine Febbraio
si scioglie dal cielo velato
di strisce biancastre
e tra spire di nebbia
che rada e che a tratti
affolla la valle,
si maschera a neve.
 
Sono gocce pesanti,
rumoreggian cadendo
e spaccandosi
in un cuore di ghiaccio,
si attaccano a terra morendo.
 
Io,
che annuso quest’aria frizzante,
io,
che spingo i miei occhi
a guardare lontano lontano,
ho nel cuore il dolore
 e il calore mutante
di qualcosa che perdo
e pian piano
ho coscienza
di stare nel mondo
questo mondo
che è senza colore,
tutto grigio
 e perduto da ore
tra le rughe sottili,
che lasciano i fiocchi di neve.
 
Alzo il volto e mi lascio bagnare!
Come arida terra
che assorbe ogni stilla,
 si gela,
si arrossa
sembra quasi
che appena conosca
il mio tempo,
il mio andare e il suo senso,
e sospiro pensoso
tradendo emozioni e ricordi,
vibrando e fremendo
come un bimbo
che attende la neve stupito.
 
Dio che bello e che grande è il suo grido!
 
Io son qui ad occhi chiusi: lo ascolto
e riscaldo il mio cuore
e ritrovo pian piano
tutto ciò che conosco…

Trovo te anima mia,
trovo me,
trovo i boschi di faggio,
trovo il timido sole di aprile
ed il caldo tepore di maggio,
trovo l’esile quarto di luna
e il suo raggio,
ed aspetto che torni,
ciondolandomi un po’
e schiacciando la neve
a ogni passo.
 
Il mio cuore che pulsa
è motore del tempo
e tra spire di nebbia
che rada e che a tratti
affolla la valle,
la sua eco risuona
di mite sgomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.