Un variegato souvenir

Cavalca questa memoria d’alba
il variegato souvenir dei tuoi baci,
l’hai prelevato dal cassetto dolceamaro
della linfa che anima il tuo corpo.
Ove urtano ancora i cocci spigolosi
delle maschere mai del tutto infrante.
Ti rincorrevo a salutare gli anelli
trastullanti delle dita aperte,
oscillava il sorriso sulle labbra distese
e mutavano il mio nome dolceamaro
nella ragnatela flessibile di un ricordo.
Aspiravo l’aria che fessure indolenti
regalavano ai bisogni delle azioni,
non indovinavo i tuoi quesiti
e sapevo ch’erano sabbia umida
del variegato souvenir della memoria.
Poi soffocai l’ultimo anello di fumo
che rifuggiva la brace mai del tutto spenta.

Check Also

Primo amore

Dicevi sempreai corteggiatori insistenti “Con Felice son felice”.Eppure bastò il timoredei tuoi genitoriper la tua …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.