Un po’ altrove

Basta… basta, Mario, ma non capisci?
è in questa vita che mangi, bevi e pisci
Io son già oltre: non mi occorre niente
neppure le vane cure d’ogni mio parente

Basta… ragazzi, basta… finiamola qui
non costringetemi, non ora, a dire “sì”
Voglio andar via, partirò domattina,
ed, in fondo, vi sarò ancor più vicina

Basta… bambini, non abbiate paura
nella vita, non è la morte la cosa più dura
Poi sarò luce, ci potremo guardare,
e ci sfioreremo nelle onde del mare

Mi vedrete riposare, ma senza morire,
poi certamente partire, non senza tornare,
e mi parlerete ancora tutti, da ogni dove,
e sarò sempre lì, e sempre un po’ altrove

Grazie, bambini, se resterete attorno al letto,
e per quella foto che non abbiamo poi fatto
Mi rimetto al Dio del cielo, ai comandi suoi,
però ricordate che siete miei figli anche voi

Grazie, ragazzi, perché impegnerete babbo,
ch’è sempre più retto, e sempre più gobbo
Non son stata la madre di cui avevate bisogno,
ma vi ho insegnato quanta realtà c’è nel sogno

E grazie, grazie soprattutto a te, amore mio,
con cui ho diviso la bontà e l’arroganza di Dio
Dio, poi, sei tu, che hai saputo tutto questo:
prenditela con calma, ma raggiungimi presto

Check Also

Corpus

Era acida visione liquida fiamma sulle mani scure un diamante. Era un tragico sonno tra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.