Su un margine di viole

 

Dune di ghiaccio fissano dagli oblò;
è la chiusa del verde
in cambio di una veduta d’artificio
 
quando il fiato rallenta
nella pausa, pima delle mani
bianca m’addormenterei
dentro la musica di un bozzolo
 
Vedo te, nel margine del sonno
dipingere le mute dei giardini
 
verrò un giorno di marzo
dietro alle tue vetrate
con piccoli piedi di camoscio

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.