Sirena

Apro lentamente i miei occhi
e nella penombra
scorgo brandelli di sogno
ribellatisi al trapasso
della porta inconscia.

E loro mi destano
mischiati al ricordo
del profumo della tua pelle
e a salsedine
che hai portato con te
e lasciato qui nella realtà

… e le mie dita ricordano
indelebilmente
la curva dei tuoi fianchi
sentono il loro contatto
e il loro velluto

… la mia bocca segue ancora
la curva del tuo ombelico
nel bacio lento e tenero
sul tuo ventre di madre

E tu Sirena regni sovrana
tuffandoti e nuotando lieta
nel mare dei miei pensieri.

Check Also

Libero canto

 Sono così come tu mi vedi desiderabile ai tuoi bramosi occhi ancora amabile dopo tutti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.