Recensione Poesie -Sassi- di Vera Barbonetti a cura di Cristina Rotoloni

 

 
 
 
 La poesia non deve essere soltanto ben scritta, deve essere una porta aperta sull’anima dell’autore. Nella sua raccolta intitolata “Sassi”, Vera rimane fedele a questa fondamentale essenza di un’opera. I versi sono pieni d’attimi interiori scanditi dal ritmo della natura, non si lasciano assoggettare dalla frenesia segnata dalla cadenza impetuosa di un orologio. L’autrice si prende i suoi tempi, i suoi spazi, le sue riflessioni. Mostra la sua malinconia, i rammarichi verso ciò che si è perduto e che è sfuggito di mano, indipendentemente dal proprio volere. Le diapositive dei suoi stati d’animo sono state scattate attraverso metafore naturalistiche che velano e rivelano questi momenti. N’emerge nostalgia, rimpianto, amarezza, un dolore che pur tracimando dalle strofe, mantiene quella dignità, quella dimensione tipica della natura che segue i suoi cicli sapendo che per ogni fine vi è un inizio. Vera ci lascia cartoline che si mostrano nella mente di chi legge, colpendolo con dei riflessi intimi rappresentati tramite un paesaggio, una foglia, un elemento del tempo. Dalla morte la vita, da una fine un nuovo inizio, dalla malinconia palpabile dei giorni andati alla speranza delle promesse di un futuro. L’autrice non si abbandona allo sconforto, ma vede il tramutarsi delle cose e speranzosa le accetta, vi convive, vi si rapporta con armonia, con la tipica naturalezza con cui si conosce la fragilità e la forza dell’essere. Tutto ciò si riesce a sentire nella rappresentazione degli elementi, nella consistenza della foglia coperta di gelo, dei sassi su cui cammina la propria vita, della neve che tramuta in goccia. Vi sono le atmosfere degli ambienti contadini, delle immagini calde e ritmate della natura paesaggistica, sottolineate anche dalle fotografie in bianco e nero di Sant’Eusanio Forconese e appoggiate dalle traduzioni del poeta francese Paul Courget. Le sue poesie sono una scoperta lenta e dolce di un intimità rivelata con grazia.
 

 

Check Also

Recensione poesia -Anima – Elena Condemi- di Cinzia Baldazzi

Recensione poesia “Anima” – Elena Condemi – di Cinzia Baldazzi, Giornalista e consulente RAI ——— …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.