Recensione “Please save my heart” di Rebecca Smith a cura di Cristina Rotoloni

 

Ciao, cari lettori e divoratori di libri.

Sono di nuovo con voi per parlarvi di un romanzo dove i protagonisti sono alla ricerca della libertà e dell’accettazione.

 

Titolo: Please save my heart

Autore: Rebecca Smith

Genere: New Adult, contemporary

Content warning: contiene linguaggio scurrile, scene di sesso e qualche scena cruenta

Pagine: 283 pagine

Prezzo ebook: 2,99 euro

Data di uscita: 12 luglio 2021

TRAMA

Content warning: contiene linguaggio scurrile, scene di sesso, scene cruente
Quando vivi in periferia e la tua esistenza è tutta in salita, non ti resta molta scelta.
Puoi decidere di soccombere o di lottare. Rylan sceglie di combattere, nel vero senso della parola. In molti lo conoscono come Redmask, fighter clandestino temuto e rispettato. Gli scontri in un club segreto sono il suo riscatto, la sua affermazione. Va tutto a gonfie vele finché non si imbatte in una splendida e indomita ragazza dai capelli rossi: Grace, che Rylan chiama Ginger. Lei è diversa, proviene da un altro mondo, un universo che lui ha visto solo da lontano. Spesso, però, le apparenze ingannano e le etichette che attacchiamo alle persone si rivelano completamente sbagliate. Tra i due ragazzi sono subito scintille, un’attrazione-repulsione intensa e inevitabile. Rylan sa che deve starle alla larga, tuttavia quando Whiterussian, nemico giurato di Redmask, coglie l’interesse di quest’ultimo per Grace, iniziano i guai. Fra menzogne, scontri, vecchie fiamme, sfide e rapimenti, riusciranno Rylan e Grace a fare congiungere i loro mondi e provare ad amarsi?

RECENSIONE

 

Il romanzo di cui vi parlo oggi ci presenta due ragazzi che si riconoscono subito, due anime affini che si ritrovano tramite uno sguardo, nonostante i loro mondi siano tanto lontani; ma è veramente così?

Red è una di quelle persone che nessuna famiglia vorrebbe vedere vicino alla propria figlia  ̶  se la ragazza protagonista avesse una famiglia  ̶ , ma andiamo per gradi.

Il romanzo ci dimostra che non è il luogo dove si abita a rendere due persone diverse, ma sono i sentimenti che provano a renderli più simili di quello che si possa pensare.

Red, che ama farsi chiamare solo da lei con il suo vero nome – Rylan –, non si è mai accettato. Il colore della sua pelle è un problema, la sua vita è un ostacolo. L’unico suo desiderio è essere come tante altre persone, ma fa delle scelte che sembrano completamente opposte a questa possibilità, e di certo non può essere considerato un bravo ragazzo. Tuttavia, come ogni persona che soffre, le apparenze ingannano: lui indossa una maschera, come quella che ogni volta gli copre il viso quando deve prendere a pugni qualcuno. Red ha paura, e lo nasconde mettendosi in gioco ogni giorno, ma nei ring improvvisati rischia solo se stesso, e in fondo farsi del male non lo disturba più di tanto, perché quando combatte si sente importante, si sente qualcuno e percepisce di avere un ruolo. Ginger, però, è il suo tallone d’Achille e con lei la sua paura diventa panico poiché, oltre a rischiare il proprio cuore, la vita della ragazza è nelle sue mani e non è preparato a tutto questo.

Martin è l’unica famiglia che resta alla ragazza, ma è anche colui che la porta a conoscere una realtà poco adatta a lei: le vuole bene, ma con leggerezza le mostra un ambiente che avrebbe dovuto evitare. Sarà questo a cambiare la sua vita che sembra perfetta, ma che in verità nasconde un vuoto immenso. Ginger, o Greta, scegliete voi, ha una bella casa, un fratello, una famiglia adottiva e buone amiche. Ha tutto eppure le manca qualcosa. Inizialmente è solo alla ricerca di un brivido, l’eccitazione del rischio oltre una vita bella e tranquilla, ma poi si rende conto che ha bisogno di molto altro, che c’è un tarlo che le corrode l’animo. Anche lei indossa una maschera che copre la sua infelicità, eppure emerge rigo dopo rigo all’interno della storia.

I protagonisti, in questa narrazione, sono invischiati in un tira e molla che però non infastidisce – anche se a tratti può sembrare troppo –, ma che rimarca le difficoltà nate dalle loro differenze e dalla diffidenza che li circonda. Tra tutti i personaggi che emergono nella storia, sicuramente Red è quello che prevale. La pressione psicologica che vive lo rende un ragazzo fragile che ispira affetto.

Alcune scene forti, e con toni decisi, trascinano il lettore in un susseguirsi di eventi spiacevoli che avvicinano e allontanano i protagonisti, dove i sentimenti sono macerati in una costante lotta con il bisogno di sopravvivere a un mondo che sembra non comprenderli e accettarli per quello che sono. Soli, abbandonati anche da chi li ama, si sentono abbandonati, e annaspano, cercandosi per poi perdersi. Il lettore è portato in una realtà di violenza, rischio, combattimenti clandestini e rapimenti, in un mix di emozioni che non lo lascia indifferenti.

Mi piace la linea che sta prendendo la penna di Rebecca. In questo nuovo lavoro la vedo crescere e maturare. Raggiungere uno stile più pulito e diretto, portando un ritmo incalzante nella storia e analizzando le emozioni dei personaggi che soddisferanno gli amanti di questo genere.

 

Miei cari divoratori di libri, vi auguro un buon percorso tra le pagine di questa autrice.

Potrete acquistare il libro cliccando qui:

 

 

Acquistalo qui:  https://www.amazon.it/Please-save-heart-Rebecca-Smith-ebook/dp/B0994VZSBV/ref

Check Also

Recensione Cuore di Mussola di Katia Debora Melis a cura di Patrizia Palese

    Quando ci si accinge a leggere delle poesie, che si sappia, si dovranno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.