Recensione “Colpevole di amarti” di Asia Da Costa a cura di Cristina Rotoloni

Ciao, cari lettori e divoratori di libri.

Oggi non so se riuscirò a trovare le parole per esprimere le emozioni che mi ha donato questo romanzo. Cerco di mettere insieme le frasi, ma sento solo le struggenti e bellissime sensazioni che non mi hanno lasciata neanche dopo aver letto l’ultimo punto.

Partiamo dal conoscere l’opera e la sua trama.

Titolo: Colpevole di amarti

Serie: 1 vol. serie il coraggio di amare

Autore: Asia Da Costa

Editore: Darcy edizioni

Genere: Contemporary romance, Military romance, Second chance

Pagine: 400

Costo: 0,99 € in preorder – poi 2,99€ – 16 € cartaceo – disponibile su KU

Data d’uscita: 26 luglio 2021

 

TRAMA

Ogni scelta detta una conseguenza.

A volte, siamo costretti ad assecondare una sorte ingiusta che tira le redini di un amore sofferto e dimenticato. Grace Davis nasconde nei suoi ricordi l’immagine dell’uomo che l’ha abbandonata dieci anni prima. Oggi è una donna che cerca di trovare un equilibrio per portare avanti un’esistenza caratterizzata da delusioni e perdite. Oggi è una madre single, all’apparenza forte e determinata.

Che cosa succederebbe, però, se quell’abisso di ricordi la travolgesse? Se tutto ciò da cui è fuggita, si ripresentasse prepotentemente nella sua vita per sconvolgere tutti i suoi schemi? Quanto alto può essere il prezzo da pagare, per proteggere se stessi dalla devastazione?

Owen Riley, ex marine, torna di colpo nella sua vita portando dietro segreti, rimpianti e tanto dolore.

Cosa succede quando presente e passato si scontrano come se non fosse trascorso neppure un istante?
Saranno abbastanza coraggiosi da riuscire a perdonarsi gli sbagli commessi?

RECENSIONE

Una meravigliosa, splendida scoperta, è il romanzo di cui vi parlo oggi: “Colpevole di amarti”.

Come anticipavo, non ho parole per esprimerlo e non perché non ce ne siano, ma quando una cosa è troppo bella si resta ammutoliti o senza fiato. È questo il caso.

Conosco Asia, ma non avevo mai letto nulla di suo e sono rimasta letteralmente a bocca aperta. Non che non avessi fiducia nel suo talento, tutt’altro, ci credevo ciecamente, semplicemente non credevo fosse un romanzo così tanto profondo da rapirmi totalmente e portarmi a non metterlo giù.

Erano le undici e mezza di sera e mi sono detta: “Leggiamo due pagine per vedere com’è il suo stile e poi lo porto avanti domani”. Ho abbassato il Kindle alle 4 della notte senza rendermi conto del tempo trascorso. L’ho fatto con un magone sul petto perché lo avevo finito e non volevo lasciare Owen e Grace. Perdonatemi se uso questo nome, lei per me è solo Grace. Leggendo il romanzo capirete.

“Cos’è la felicità senza l’amore?”

Questa la domanda che permea tutto il romanzo. Domanda che racchiude una storia intensa. Un diario personale dove non riesci a entrare in punta di piedi, perché sei lì e vedi con i loro occhi, senti con la loro pelle, vivi con il loro cuore. Diventi Grace e Owen.

Amo la scrittura di Asia: dolce, profonda, sensibile, coinvolgente in un modo che non si può descrivere.

Ho in mente la corsa in moto sotto il diluvio, le onde del mare, il vento e le labbra violacee. Il dolore, il tormento, l’amore, i tanti segreti e le cose non dette che rendono tutto più complicato in situazioni già difficili. E poi il male, quello atroce, quello devastante, quello che un bambino non dovrebbe mai conoscere. Serpeggia, aleggia per la storia senza essere invadente o distruttivo, ma presente e pregnante e ti tocca facendoti capire, facendoti sapere.

Ho pianto, ho sofferto, ma ho anche gioito e mi sono fatta coccolare dai loro momenti dolci.

Poi ci sono Ashley e Dolores, due cammei in questo libro, che vi rapiranno; anche se ogni personaggio ha il suo perché ed è fondamentale e ben “studiato” – lo metto tra virgolette perché non vi è nulla di calcolato in questo romanzo, qui c’è tutto cuore.

Immagino che abbiate capito dalla raffica delle mie parole, un po’ gettate alla rinfusa, quanta partecipazione ho provato. Io amo questo romanzo, adoro la penna di Asia e attendo con fibrillazione il prossimo volume.

Tesoro, non farci aspettare troppo, mi mancano così tanto i tuoi personaggi che quasi quasi torno a leggere di Owen e Grace.

Posso dirvi che quando una persona è brava è brava, ma quanto ha talento non lo si può negare o nascondere e qui di talento ne ho visto molto.

Quindi, cosa aspettate? Buttatevi a capofitto in queste pagine, cari lettori, non ve ne pentirete. È una storia tormentata, ma anche satura d’amore.

Check Also

Recensione “Please save my heart” di Rebecca Smith a cura di Cristina Rotoloni

  Ciao, cari lettori e divoratori di libri. Sono di nuovo con voi per parlarvi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.