Il sogno delle tartaruga – di Alessandro Cimarelli – Recensione a cura di Cristina Rotoloni

alt
Il Sesto Senso di Marco
Marco il protagonista del libro “Il sogno della tartaruga” è un bravo agente immobiliare che vive nella capitale e nonostante Roma gli piaccia, ultimamente la gente della sua città inizia a stargli stretta e sente il desiderio di andarsene. E’ un ragazzo di carattere e di sani principi, è serio, onesto e detesta i preconcetti e i pregiudizi. Ha anche una coscienza molto forte che lo porta a contestare il razzismo ed il turismo sessuale associato alla Repubblica Domenicana, il luogo dove vuole fuggire per una vacanza con in testa un unico desiderio quello di fare Windsurf. Raggiunta l’isola di Cabarete le cose sembrano procedere senza alcuna difficoltà è la sua idea di relax si mostra a pieno con una piacevole vacanza che sembra precludere anche una storia d’amore con un’isolana. Finalmente, dopo mesi di duro lavoro ed impegno per ottenere risultati nelle vendite delle case, era libero per un mese di vivere la sua vita e le sue passioni. Marco inizia il suo sogno alla grande e lo vive con tutto se stesso in un racconto che si muove tra Windsurf, barca a vela, isole, foreste, mare e tanto divertimento in una terra lontana dove trova nuovi amici affini al suo modo di essere. Tale è il suo trasporto in questo nuovo ambiente che la vacanza diventerà la sua vita e tornare ala routine quotidiana gli costerà un’enorme fatica facendogli desiderare di abbandonarla per restare lì. Sennonché, quando il tutto sembra delineato e il protagonista appagato nella sua villeggiatura, l’incontro con una donna cieca modificherà il suo punto di vista. “E se la vita fosse un cammino disegnato?” Marco si pone questa domanda sin dalle prime pagine della sua storia, anticipando il dilemma che dovrà affrontare in questo viaggio e nonostante dentro di sé vorrebbe negare questa possibilità, teme che la risposta non corrisponda a quello che si vuol sentir dire. Ad accompagnarlo in questo percorso giungerà il personaggio citato sul titolo del libro, una tartaruga con un disegno bianco sul carapace. L’animale sarà il compagno muto del sesto senso di Marco e la sua guida anticipatrice degli eventi. Da una storia scorrevole e veloce sul soggiorno di un giovane aitante agente immobiliare ci immergeremo nel calore delle isole domenicane e sfioreremo il soprannaturale tramite un dono che porterà a scoprire quanto un destino può essere segnato e come da alcune scelte fatte dai singoli individui può cambiare l’esistenza umana ed il mondo.

Check Also

Recensione poesia -Anima – Elena Condemi- di Cinzia Baldazzi

Recensione poesia “Anima” – Elena Condemi – di Cinzia Baldazzi, Giornalista e consulente RAI ——— …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.