Primo amore

Dicevi sempre
ai corteggiatori insistenti
“Con Felice son felice”.
Eppure bastò il timore
dei tuoi genitori
per la tua infatuazione,
distraente dallo studio,
o chissà quale altro motivo
ad assopirti
distraendoti da me,
pian piano,fino all’entrata in collegio.
Non è ancora risanata
quella ferita profonda: avevo appena sedici anni
e fu come una coltellata al cuore.
In cinquant’anni non ti ho più rivista, ma forse
ora sei sfiorita e non hai più
le guance rosee e la pelle vellutata
da baciare.
 

 

 

Check Also

Ah, potess’io

Ah, potess’io averti a fianco qui,sulla panca della villetta,e novellarti del dì che, pensandoti, avrei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.