Parlami di te

 

Parlami di te
di quest’alluvione di sottile brina
che mi bacia le guance
all’alba nel giardino
Parlami del fiore
che m’investe di profumo,
d’illusoria freschezza
mentre abito i suoi petali
Parlami della bellezza
dei tramonti e degli orizzonti
Di dove nascono i sogni
e dove muoiono i bambini
Parlami dei silenzi
nelle corsie del dolore
dove anime e corpi
si guadagnano degli attimi
Dei tuoi occhi, come sono,
dove guardano in certi giorni
quando il sole non riscalda
e le parole non bastano
a dire ciò che non può essere
Parlami del domani
di un pugno di speranza
bello come l’arcobaleno
che hai saputo inventare…

Check Also

Non ricordare

Non ricordare.   Ascolta il cuore quello che è stato dentro te un solco profondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.