Pagine di libri

Leggo la pioggia attraverso

i vetri delle finestre,

le nuvole come pagine di libri,

sfogliati da cento mani.

Un soffio accarezza i vetri,

è il vento, a volte dolce,

a volte irascibile che vorrebbe

penetrare la pelle.

Le lampade dondolano,

si accendono, si spengono,

è l’altalenante movimento

della vita.

La casa scricchiola,

sta per crollare, cerco la notte

riversa sul pavimento,

osservo le foglie ricoprirla,

come una coperta ricamata.

E’ il mondo che passa,

si è appoggiato alla mia bocca,

l’ho lasciato fuggire,

senza neanche dargli un bacio.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.