Ore

 

 

Nel silenzioso rispetto
del tuo rudimentale amore
ripongo le mie ore più lunghe
in questa casa svuotata
d’affetti e disseminata
di attese vuote e scolorite.
Il tuo saltellare composto
tra i fornelli e il mio grembo
il susseguirsi di sguardi
e di fusa rantolanti
mi ripaga di un amore
scomparso e di un sole nascosto
mi illumina e riscalda
in questo turbinio di ore
che mangiano minuti infiniti.

Check Also

La stanza muta

La trama aspradelle tue roc­ciose pupilledilatai mean­dri dei miei bisogni Argilla chiarale parolesul vul­cano spento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.