Nostalgie lontane

Il ruvido susseguirsi di reticenti nostalgie,
ammassate tra giorni lontani,
racchiuse tra parentesi di ricordi sfumati e 
impolverati da granelli di colori sbiaditi,

mi asfissia di ingombranti silenzi,
intarsiati su rumorose e inesplicabili ore
urlate nel quotidiano esistere
a cui chiamata mi assoggetto.

E in queste nostalgie lontane
rivedo i tuoi lunghi rami nodosi
su cui scivolavo rinverdendo i miei umori,
su cui mi cimentavo in acrobatiche risa
sbuffate all’improvviso tra il tuo paterno abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.