Lirica

Vieni, amore,
vieni con me
a sfidare i flutti che,
all’improvviso, sferzano il litorale.
Timidamente avanziamo
coi piedi nell’onde,
quando una,due,
tre ondate furiose ci frustano.
Tu perdi l’equilibrio all’indietro,
ti soccorro a fatica,
ti porgo il braccio,
poi entrambi,
ti sfioro,
ti abbraccio,
ti do la forza che non hai.
Dura poco: in acque più tranquille
ci immergiamo
e prendiamo confidenza col mare,
ancora sorpresi per quanto è accaduto,
ancor più per quel che non è avvenuto,
rivelatorio.

Check Also

Primo amore

Dicevi sempreai corteggiatori insistenti “Con Felice son felice”.Eppure bastò il timoredei tuoi genitoriper la tua …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.