Lirica

Per caso
ti rividi matura, castana e magra,
già professionista affermata
quel dì che venisti nel mio Ufficio
per sapere del caso che avevi a cuore.
Non eri più
quella stampata nella mente
di bellezza fiamminga in adolescenza
capelli fluenti fino alle spalle,
color dell’oro, occhi chiari e celestiali,
viso tondo di madonna,
corpo statuario ben modellato.
Oh, com’eri bella e amabile
nel tuo contegno serio
e poco loquace!
Certo sognavi. Ma cosa? Ma chi?
Come avrei voluto essere il tuo sogno
ricorrente, il principe che immaginavi
di baciare nel castello della fiaba.

 

Check Also

Primo amore

Dicevi sempreai corteggiatori insistenti “Con Felice son felice”.Eppure bastò il timoredei tuoi genitoriper la tua …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.