L’anno che se ne va

L’anno  che passerà

facenno posto a quer che ariverà

nun lascia gnente:

nessun rimpianto, nessuna nostargia

anzi tutti contenti che se ne fugge via.

Ce fosse uno che dice “che peccato

che l’anno vecchio sia già finito!”

Tutti aspettà le novità

che forze l’anno novo porterà.

Ma mai possibile che sta bilancia penne

sempre a sfavore dell’anno che se spegne?

Provamo a ricordà, vedemo se quarcosa

che è passato,

quarcosa armeno c’abbia poi lasciato.

E s’arza n’coro

de voci  n’po’ n’cazzate

che strilla forte.

Ognuna de ste voci

vo racconta la sorte

trista, meschina

che l’anno ch’è passato

ja appena regalato.

“M’è morto er gatto

er cane eppure er passerotto,

pe nun parlà de quante vorte c’ho avuto e raffreddore,

stavo tarmente male che er dottore

s’è rifiutato de curamme er callo

che sé gonfiato per troppo camminà”.

N’antro arza n’po’ er tono

dicenno che quello c’ha parlato

è stato fortunato.

Le disgrazie che s’accinge a raccontà

mejo nun’ascortalle, fanno male alla pelle

ve lo posso garantì che è giusto nun sentì!

Allora me domanno

ma l’anno prima ancora che cosa c’ha lasciato?

E ricomincia er coro

unanime e straziato:

“M’è morto er gatto

er cane eppure er passerotto…”

E so arivata alla conclusione

che nasce sempre la questione

che l’anno che verà

darà na svorta non indifferente

ai sogni nostri, alla nostra mente.

Intanto er tempo passa

e nun trascore lento,

velocemente passa…inesorabilmente.

 

Check Also

Sogni di sabbia

Lento si dissolve il maniero di sabbia che con cura e pazienza innalzai.   Ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.