La ribongia

Acqua alla gola
come preda di cannibali
immerso
in una ribongia di pensieri
sto così,
con la lingua
che rimescola parole
come mestolo
nel pentolone cerebrale.
Non sempre facile
è distinguere i sapori
aneliti anelati sul mio collo
discesi giù dai padiglioni
a far baldoria
a danzar
come zulù col gonnellino
e le ossa tra i capelli.
E intanto l’acqua bolle
e ribolle d’oppio antico.

Check Also

Non ricordare

Non ricordare.   Ascolta il cuore quello che è stato dentro te un solco profondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.