Io e te uccidendo i verbi

Io,
solo in una notte insonne
tu,
ali bianche alla tenera brezza di aprile
un incontro colorato
curioso prologo
di un epilogo senza tempo.

Lontano uno sguardo azzurro
e le mie mani bianche
sopra i tuoi occhi lucidi
senza un perché…

Poi la pioggia
le lunghe attese
passo dopo passo,
umidi pensieri
di altri tempi
e il sogno sul tuo giovane cuore,
come un tenue e labile soffio.

Check Also

Chi sono?

    Chi sono?   Sono il sole che ha abbandonato la primavera. Sono mille …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.