imperfetta congiunzione d’estasi

Scorre mansueto il fiume d’ambrosia – onirica corrente di sogni

attraversa cave d’ardesia – di plumbeo cielo s’istoria l’arida terra

e scalza, passeggia la donna su fragili ghiacci scalfiti da frutici pruni.

Roride raffiche di libeccio – ostile e aggressivo messaggero di Marte –

spirano violente – lucide sciabole sguainate nell’aria – fulminei fendenti

inferti di petto a logiche dispotiche – eroi di cartapesta tra le fiamme.

Gravi, rimbombano timpani lontani – timbri tribali in concerto essenziale –

a festa, in castelli di ruggine, danzano, ancora torbidi, negletti pensieri

– minuetto suggestivo in ritmo ternario e forma binaria… à pas de danse.

Scorre costante il fiume d’ambrosia – di rocce corrose il suo letto grinzoso

e sterile seme l’ambito futuro – sensuale cornice di eterni silenzi…

Taciute verità. Empia indifferenza – precario confine dell’etica.

Dialogo sommerso, soggiogato da chi non ha parola – oscurantismo

e dappocaggine – smodato uso di eufemismi a nascondere incertezza

ed è lento scivolare di ingannevoli ambizioni – baratro marmoreo.

 

Scorre mansueto il fiume d’ambrosia – avanza la notte in punta di piedi

e ignuda, la donna, volteggia aggraziata su vetri di ghiaccio… à pas de danse.

 

Scorre costante il fiume d’ambrosia – lambisce la terra di seta graffiata –

di lame affilate è il truce guerriero, di opale prezioso la pelle lucente…

 

Di rosso scarlatto si tinge l’unione… Di imperfetta congiunzione d’estasi.

Check Also

Primo amore

Dicevi sempreai corteggiatori insistenti “Con Felice son felice”.Eppure bastò il timoredei tuoi genitoriper la tua …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.