Il vizio

 

Invadi pure tutto il mio spazio

tu, mio vizio, sia tu per sempre maledetto!!

Maledetto due volte il tempo di questo strazio

che ritrova il sublime e si diverte con diletto.

 

Il tuo corpo bruno è utile solo mischiato al tabacco!

Io t’inghiotto, mio spirito in fumo

mentre l’anima è in preda tra i vari doni di bacco.

 

Nel vino che innalza i piaceri più colorati

nel vasto tugurio di un animo già vinto:

per lui inventa il canto, un silenzioso inno

alla magnificenza della sua anima.

 

Io ti ascolto stupido bevitore!

 e richiamo il tuo spirito ebbro

alla stregua di una voluttà assai amara

che unita a quella di un veleno antico,

fa del vino, l’unico nostro siero

che riveste di un lusso meraviglioso

quella cosa che noi chiamiamo Vita!

 

Ma, i nostri unici vizi, sia il Fumo che il Vino!

Ahimè! per sempre ci hanno condannato

in quell’ebbrezza di un martire divino

ferocemente ci hanno abbandonato.

Check Also

“Il Dono più Bello” intervista con l’autore Ivan Caldarese

  Ivan Caldarese nasce a Milano nel 1977. Il suo libro, “Il dono più bello”, edito da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.