Il soliloquio

 

Mi siedo tra due lune
nell’inferno distillato
di questo rito abbreviato
del mio viver quotidiano

E con la mente in altro luogo
umettata di follia
m’azzardo a varcare l’uscio
nell’insidiosa utopia

E tra sorrisi e significati
mi sorprendo colma e felice
trasudante di speranza
come fossi giovane sposa

Poi mi volto e da lontano
la realtà mi saluta
con il ghigno di chi ha chiaro
che quel soliloquio non ha futuro.

Check Also

Il domani della tempesta.

  Non so scegliere dove andarenon conosco la via da seguiree se tempeste affiorano alla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.