Il gabbiano

Il  gabbiano


 

Scende  la  sera

Ma  lui  ancora  non  c’è

Nessuno  lo  cerca

Ognuno  pensa  a  se

Suo padre  ci  beve  su

Sua  madre  non  lo  sopporta  più

Ma  lui  vola  in  alto  sempre  più  su

 

Vola  libero  nel cielo

Plana  e  poi  va  sempre  più  su

Sempre  più  libero  e  leggero

Ma  poi  ricade  giù

Nessuno  reagisce, nessuno lo capisce

Tutti  pensano  solo  a  mangiare

Criticare   e  condannare

 

E  fu  così  che  fu  giudicato

E  condannato  all’esilio

A  vivere  da  solo  la  sua  follia

Malinconica  libertà  e  volò  via,

E  volò  via

 

 

Provò  a  immaginare  anche  di  avere  torto

Ma  poi  ritenne  d’essere stato stolto

A  pensare  anche  solo

Di  rinunciare  a  volare

E così volò,  via lontano

 

Eccolo  il  gabbiano

Questa  è  la  sua storia

La  storia  è  uno

Dietro  di  lui  nessuno

Nessuno per anni interi

Da solo a duemila metri

Sempre  planare  e  libero  volteggiare

 

E  fu  una  luce  e  lui  capì

Capì  che  era  arrivato

Ma  ciò  non  gli  bastava

Era  limitato

L’anima   l’amore

Un  numero  all’infinito

Non  ha  tempo,  non  ha  spazio,  non  ha  età

È  solo  libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.