Il Baciatore del 2000(dal diario di una ragazza disillusa)

 Il ragazzo baciatore del 2000 è, a mio avviso, un autentico disastro.

I miei coetanei non sanno più baciare, è un dato di fatto, e ritengo che sarete d’accordo con me.

Sarà perché usano la lingua per tutt’altro genere di cose, tipo ingurgitare schifezze varie nei bar, rosticcerie, bistrot etc etc ; oppure tracannare pinte di birra e litri di alcolici, o leccare cartine di spinelli, o farsi trafiggere la lingua da orrendi piercing, o Dio solo sa cos’altro ancora.

Sicuramente le loro lingue non riescono più ad entrare soavemente dentro le nostre fresche labbra schiuse, e quando provano a farlo…beh..vediamo cosa sono capaci di fare!

Il picchio-baciatore : è quello che posiziona la lingua irrigidita tra i suoi denti e appena tu, con gli occhi chiusi ed il cuore palpitante schiudi le labbra, te la ficca dentro e poi fuori, a scatti, come l’uccellino del cucù che spunta dallo sportellino aperto all’ora esatta, o come, appunto, il picchio che infila a scatti il becco nella breccia della corteccia d’albero.

Cucù-cucù, toc-toc, dentro-fuori, e tu conti mentalmente le incursioni linguali, poi finalmente finisce e fai un sospiro di sollievo che lui scambia per profondo respiro di piacere.

Il frullatore-baciatore : è quello che sembra avere un motorino incorporato alla base della lingua, per cui turbina tra le tue arcate dentarie spalancandoti le mascelle e ruotando come un frullino dentro la tua bocca, e auguriamoci sempre di non avere protesi, perché finirebbero centrifugate.

Il tergicristalli-baciatore : al contrario del frullatore lui muove fiaccamente da una parte all’altra la lingua, come il tergicristallo azionato a bassa velocità.

Lo spadaccino-baciatore : è quello che pretende la fuoriuscita della tua lingua, così le due lingue (la tua e la sua) sembrano due piccole spade di carne che si incrociano e colpiscono nel breve spazio tra bocca e bocca, spandendo filamenti di saliva.

Il ventosa-baciatore : lui oltre a ficcarti in malo modo la lingua in bocca, alla fine, prima di uscirla, ti risucchia le labbra dentro le sue fauci aspirandole come una ventosa, e lasciandoti dopo il bollino rosso sul muso, come un marchio.

Se dopo questi disastrosi approcci, accetti comunque di avere un seguito, seguiranno altre performance di cui parleremo nella prossima classifica!

Check Also

Al mio colle – seconda parte

      CAPITOLO V   Gli anni che seguirono, non furono malvagi anche perché …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.