Fuga di centro

In fuga,

vergo a visioni dette tue dal multiverbo,

radicando la centralità immillata

della deplorante innatura,

struccata dalle foglie cadute morbide:

questo è quanto liquorare l’artemisia

sulla scia taccata

della mia fata verde.

Voce al baciolabbra:

non seguirmi alla buriana.

Siamo pendoli nel vento,

qui vige il tempo del soffio.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.