Estratto dal nuovo book -I Racconti dello scriba – Il Guardiano degli Unguenti

I Racconti dello scriba

Il Guardiano Degli Unguenti

Ritorno a Kemet

 

Mare Egeo – 1944 A.C ..circa.

 

Accosciato sulle luride assi del ponte. Le gambe incrociate alla maniera degli scribi, la destra alzata a protezione delle iridi, per la terza volta dacché si era levata l’alba luminosa sul mare piatto, sollevai lo sguardo al sole sfolgorante del Mediterraneo.

« Guarda!. La terra non deve essere lontana! » enunciai  nell’indicare la frotta chiassosa di volatili, che sospesi nel cielo.. le ali snelle spiegate, dando impronta di non andare ne avanti ne indietro planavano graziosi sopra le nostre teste sfruttando le correnti ascensionali. Appoggiato all’alto parapetto di tribordo, l’espressione distesa l’amato figlio mio sollevò il nero sguardo al cielo terso.

« L’ho notato padre.. a ogni “giro di voga ” gli uccelli sono sempre più in gran numero! » confermò con la solita salmodiata calma riportando dietro l’orecchio una rifuggita ciocca di capelli  che si agitava nella frenesia del vento.

Copyright © 2012

Check Also

La fatal Teresa

Lavoro tra i tavoli del “Grand Hotel”, sfarzoso locale in stile barocco dove la gente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.