Diu crià lu munnu

Diu crià lu munnu
nta lu giru di na simana
lu fici accussi’ perfettu
ca pari una mazzu di violetti
po’ cu sputazza e crita
cria’ l’omu: a so immaggini e sumigghianza
lu misi cu li pedi nterra e dissi:
ti dugnu tuttu lu tempu chi bo’
ti lassu libiru arbitriu
pi fari,sfari e ammigghiurari
cerca di farinni tesoru:
ti lassu li valura la famigghia
cu lu me occhiu si prutettu
ti lassu celu ,mari e terra
rispetta la natura e si’ rispittatu!
c’e’ un tempu pi ridiri e un tempo pi chianciri.
Quannu ritornu: si trovu sfacellu
e trovu li valura tutti nfunnu:
ti mannu tirrimoti, caristii,  pistilenzi
e guerri puru : tra tia e to frati
ti fazzu pentiri di essiri natu
nta sta matri terra!
nun parru tantu pi diri:
Diu e’ amuri:
ricordati sempri sti paroli!

Laura La Sala

Check Also

Alberi di Luigi Finucci

Come soldati sull’attenti nei grandi boschi, come nomadi solitari nei deserti, alti e forti quasi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.