Demons

Demons

 

 –

 

Tanti auguri a te!

 

Tanti auguri a te!

 

Tanti auguri Tobia! Tanti auguri a te!

 

(Tobia)

 

Grazie! Grazie! È troppo! È Troppo!!

 

(Allurgento)

 

Tobia? Che hai? Non sei felice?

 

(Tobia)

 

Si come no!

 

(Allurgento)

 

Non ti rendi conto! Hai sedici anni! Lo sai cosa vuol dire vero?

 

(Tobia)

 

Non me lo ricordare…

 

(Allurgento)

 

Tu sei folle! Io ho ancora 14 anni e due diaspore!!

 

(Tobia)

 

Frequento gente giovane! Ed allora?

 

(Allurgento Rise)

 

Quando pensi di farlo?

 

Stasera?

 

(Tobia)

 

In effetti non so! Non credo di essere pronto!

 

(Allurgento)

 

Al massimo domani sera! Lo sai! Le regole!

 

E poi guarda! Ti hanno regalato un sacco di cose!

 

Ti sono utili no?

 

(Tobia osservò i regali)

 

(Tobia)

 

Si..qualcuno si…

 

qualcuno no…

 

(Allurgento)

 

Guarda questo per esempio…

 

“Mille modi per evocare un demone”

 

e questo

 

“I migliori demoni nell’arte culinaria”

 

Forte no?

 

(Tobia)

 

C’è già Notorius a casa per mamma…cucina lui…

 

(Allurgento)

 

Chi? Quello? Ma ti pare un demone per bene?

 

(Tobia)

 

In effetti mi fa sempre i dispetti; si lamenta di continuo e chiede sempre aumenti demoniaci

 

(Allurgento)

 

La paga non è un granché!

Ma i loro sindacati neanche si impegnano tanto per rinnovare il contratto.

 

(Tobia)

 

Non mi sento pronto Allurgento! Forse queste nozioni non bastano..

 

(Allurgento prese una caraffa di Sambolo)

 

Credo che un salto in libreria ti aiuti a trovare ciò che cerchi..

 

che ne so cose più introspettive…

 

lo sai..un mio amico..che te conosci di vista..

 

Misagevolo..

 

(Tobia)

 

Si…che fece?

 

(Allurgento)

 

Niente…nel senso..ha letto molto e quando ha compiuto sedici anni..

 

ormai quattordici quarzi fa,

 

andò alla libreria del paese

 

e si comprò

 

un Demon seller da paura..

 

(Tobia)

 

Tipo?

 

(Allurgento)

 

“Rispetta i demoni come te stesso”

 

“Corso base per l’evocazione ed il mantenimento demoniaco”

 

sesta edizione Briscatizia!

 

Ti rendi conto

 

Briscatizia!!!

 

(Tobia)

 

Si..si…se è Briscatizia…allora…

 

va be..farò un salto dal Orobolo…forse lui…mi consiglierà…

 

(Allurgento)

 

Non vai alla libreria nazionale?

 

(Tobia)

 

No..vicino a casa c’è un piccolo negozio dove mio padre…

 

(Tobia guardò in basso)

 

Dove mio padre mi comprava sempre libri…

 

(Tobia sorrise amaramente)

 

Mi ricordo ancora la prima favola che mi lesse..

 

“Il piccolo demone”

 

(Allurgento)

 

Forte!!

 

(Tobia)

 

Già ! E’ la storia fantasiosa di uno come noi che fa amicizia con un demone senza dettargli regole..

 

(Allurgento)

 

Impossibile? E’ vietato lo sai..

 

(Tobia)

 

Lo so…lo so…infatti finisce male…

 

(Giunse Paristilla)

 

Ehi! Gaglioffo…dai…bevi un po di Salambeccata!! E’ giusto piccante!

 

Dai che hai sedici anni!!

 

(Tobia)

 

Grazie! Paristilla..non bevo liquorame!

 

(Paristilla)

 

Che hai ciondolino? Paura del gran giorno?

 

A me non è successo niente!

 

Ho evocato! Ed è arrivato!

 

(Allungento)

 

Chi? Fortamentino? Il tuo demone parli?

 

(Paristilla)

 

Si..lui..lui…e chi se non lui…mica se ne possono avere due..

 

(Tobia)

 

Ed è bravo? Cioè..non lo fai mai uscire di casa!!

 

(Paristilla)

 

Oh..beh..gli faccio fare parecchie pulizie…ma per la spesa..preferisco pensarci di persona…

 

sai amo gli odori acri del barlume…

 

(Allurgento)

 

Quando avrò sedici anni anche io…

 

già so che riuscirò ad evocarne uno potente che farà anche il caffè Boloso!

 

(Paristilla)

 

Il caffè Boloso? Conosco pochi demoni che lo sanno fare! Dicono che è delizioso…

 

(Tobia)

 

Ragazzi! Su…basta parlare di queste cose…

 

(Paristilla)

 

Ma tu Tobia..hai già una idea? Come lo vorresti?

 

(Tobia)

 

Non so…che faccia un po tutto…che riesca a guidare semmai…

 

Dato che Notorius,

 

il demone di mamma non ha la Parantola

 

(Allurgento)

 

Ma dai! Un demone che non sa mutarsi in mezzo! Che fallito!

 

(Tobia Ripetette)

 

Non ha la Parantola!

 

(Paristilla)

 

Neanche quella di serie Biba?

 

(Tobia)

 

Niente! E’ vacuo!

 

(Paristilla)

 

Tua madre non è come tuo padre…lui si che evocò un demone..di quelli..veramente…

 

(Paristilla si accorse di aver detto qualche parola di troppo)

 

Scusa Tobia..non ho dimenticato che tuo padre…

 

(Tobia)

 

Fa niente…fa niente…

 

comunque…si..tendenzialmente ho paura…

 

ho studiato poco dopo la perdita …

 

mi sono lasciato andare..e non credo di avere gli strati necessari

 

(Allurgento)

 

Nel caso fosse un demone abituato alla ribellione?

 

Un coriglione intendi?

 

(Tobia)

 

No..non credo di essere in grado di evocare demoni di tale natura..

 

a me basterebbe un demone casalingo e che mi faccia l’autista per scuola…

 

tutto qua…

 

speriamo bene…

 

speriamo bene…

 

(Paristilla diede una pacca sulla spalla di Tobia)

 

Vedrai..caro amico mio…

 

che al momento giusto..tirerai fuori le Pasmofole..

 

perché le hai le Pasmofole vero?

 

(Allurgento e Palistrilla risero)

 

(Tobia)

 

Scemi..e pure Paranoclastici!!!

 

 

fine della prima parte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2

 

(Voce da un Autoraggiante)

 

Il treno per lo strato uno

esistenza uno

circondario uno

traversa quattro

è in partenza dal Arcobinario 8

 

ripeto

 

il treno per lo strato uno esistenza uno…

 

è in partenza dal Arcobinario 8

 

(Tobia)

 

Per tutte le lucciole a vapore..stai a vedere che lo perdo…

 

aspettate..aspettate…ehi…aspettate..

 

(Tobia riuscì ad entrare per un pelo nel treno)

 

(Tobia)

 

Uff…accidenti a me che ho festeggiato il mio completempo da Allurgento!!

Già…a casa mia non ci sarebbe stato lo spazio….

 

e poi Notorius si sarebbe lamentato….

 

non mi piace per niente quel demone…

 

ma proprio per niente…

 

e dire che…ogni demone si abbina quasi perfettamente a chi lo evoca…

 

strane leggi….

 

(Tobia si appoggiò su un pulsante color vermiglio..)

 

-Togli la tua spalla da lì..ragazzo!!

 

(Tobia)

 

Chi ha parlato?

 

-Io ho parlato non mi vedi?

 

(Tobia)

 

In realtà no? Sei sopra quel pulsante rosso? Ti ho schiacciato?

 

-Idiota giovanile…quel pulsante rosso..è un brufolo…

 

(Tobia)

 

Un che? Una parola che non conosco…

 

-Lascia perdere..

 

(Tobia)

 

Sei il pulsante?

 

-No..sono il treno…

 

(Tobia)

 

Wow! Sei grande eh?

 

-Già! Mi chiamo Astarius e faccio il demone tranviario ormai da una eternità!

 

Su e giù

 

su e giù

 

due Pasmofole!!!

 

(Tobia)

 

Non avevo mai conosciuto un demone delle ferrovie…

 

(Astarius)

 

Ora sei dentro uno…

 

ti osservo spesso sai?

 

Mi prendi spesso..

 

(Tobia)

 

Si…ho un amico..Allurgento…sta al secondo strato esistenza uno circondario uno traversa..

 

(Astarius)

 

Non mi interessa…non consegno posta demoniaca…

 

sento che sei nervoso…compiuto..sedici anni oggi vero?

 

(Tobia)

 

Come fai a diluirlo così bene?

 

(Astarius)

 

Abitudine…sento i pensieri della gente…li vivo…

 

stasera dunque…permetterai a qualcuno di fare il grande balzo?

 

(Tobia)

 

Sono tremendamente nervoso…sai…

 

(Astarius)

 

Ti sento basso di nozioni….hai studiato per bene vero?

 

Sai il pericolo che si incorre se evochi male?

 

(Tobia)

 

No..! perché? C’è pericolo? Ma dai…nessuno me l’ha detto…

 

(Astarius)

 

Non lo sai.?

 

Una portiera si aprì..

 

(Tobia)

 

Ops..scusa…è la mia…ci vediamo…

 

(Astarius)

 

Rifletti..bene…ragazzo…rifletti…

 

(Le porte si chiusero)

 

(Tobia)

 

Ognuno qui…cerca di farmi preoccupare…

 

due passi ancora…e..sono giunto a casa..ma prima…

 

vedo se l’Orobolo mi da delle dritte…è ancora aperto per fortuna..

 

(Il ragazzo entrò in una piccola libreria)

 

(Tobia)

 

Orobolo? C’è? Sono Tobia!

 

(Un vecchio signore alzò lo sguardo e parlò)

 

(Orobolo)

 

Tobia! Caro ragazzo…finalmente..ti aspettavo..

 

(Tobia)

 

Come mi aspettava Orobolo..

 

(Orobolo)

 

Io ero un amico di tuo padre..lo sai…

 

conosco la tua data di nascita…

 

(Tobia)

 

Oh..grazie…senta sono venuto..perché..

 

(Orobolo)

 

Cerchi un libro idoneo per l’evocazione di stasera vero?

 

(Tobia)

 

Si..ma non so…

 

(Orobolo)

 

Dimmi Tobia…ma te…

 

dimmi sinceramente da Orobolo a Giovane…

 

te

 

quanto ne sai demoniaca-mente parlando?

 

(Tobia)

 

Sui demoni? Oh be..a scuola ho 7-4 perciò…

 

(Orobolo)

 

Umm…come mai? Non ti piace la storia dei demoni?

 

(Tobia)

 

Il fatto…è che…

 

(Tobia abbassò gli occhi)

 

(Orobolo)

 

Ho capito…senti..vieni qua…

 

dai…vieni qua….

 

(Tobia si avvicinò al vecchietto)

 

(Orobolo)

 

Aspettavo questo giorno per darti un paio di cose…

 

(Tobia)

 

A me?

 

(Orobolo)

 

Sai..come ti ho detto…ero molto amico di tuo padre..e la sua morte dopo..

 

la battaglia dei tempi incisi…..ha scosso pure me…

 

(Tobia)

 

A storia contemporanea quando ne parlano..io mi tappo le Caroste

 

(Orobolo)

 

Immagino….guarda..però cosa mi ha lasciato per te…prima di andarsene per sempre…

 

(Tobia)

 

Cosa? Mio padre?

 

(Orobolo)

 

E’ un libro…

 

più questo…

 

(Tobia)

 

Ma…non ci posso credere..è un Dalmazio…

 

pochi ce l’hanno…è raro…

 

(Orobolo)

 

Tienilo nascosto e fanne cura…nessuno deve sapere del tuo possesso..

 

in quanto al libro…lascia stare tutti quelli che non hai letto fin ora..leggi questo…

 

lo usava tuo padre…

 

(Tobia)

 

E’ con questo…che..lui ha evocato…Mandragora?

 

(Orobolo)

 

Già…

 

pochi nel mondo dei sette strati…prima d’ora c’erano riusciti…

 

come ben sai..

 

Mandragora..è uno dei demoni superiori…

 

un nobile…

 

un re…

 

(Tobia)

 

Lui voleva bene a mio padre…non capisco..come possono essere stati…

 

(Orobolo)

 

Non lo capisco neanche io…purtroppo…dopo che tuo padre…insomma..ci ha lasciato…

 

il demone…

 

è tornato nei luoghi nel dissenso…

 

dove stanno i demoni che perdono i loro padroni in battaglia…

 

credo sia li…e credo che…non possa più tornare…

 

(Tobia)

 

Una punizione?

 

(Orobolo)

 

Così si annuncia…

 

se un demone…non protegge il suo padrone…ha un destino peggiore di chi l’ha evocato…

 

torture..innominabili….

 

(Tobia)

 

Mi dispiace…ma chi può avere fatto tutto questo? Chi?

 

Mio padre era uno degli arcivescovi del silenzio…uno dei più stimati e forti…

 

(L’Orobolo sospirò)

 

Tieni…stasera è la tua sera..non so dirti altro…vai da tua madre…e cerca di andare d’accordo con Notorius..

 

non è un cattivo demone anche se di livello inferiore…

 

 

(Tobia)

 

Va bene Orobolo…la ringrazio…poi le faccio sapere..come è andata…

 

(Orobolo)

 

Leggi..il libro…poi..evoca…non fare il contrario…

 

(Tobia)

 

Senz’altro…

 

senz’altro…

 

 

(Tobia)

 

Mamma? Ci sei?

 

Mamma?

 

(Una grassa e vecchia signora stava preparando la cena)

 

(Tobia)

 

Ehy Notorius…visto mia madre?

 

(Il demone si girò ed annuì)

 

(Tobia)

 

Allora?

 

(Notorius)

 

In sala signorino…desidera altrove?

 

(Tobia)

 

No..no…

 

(Notorius da grassa vecchia mutò in enorme ranocchio)

 

(Poi con un mestolo girò qualcosa dentro la pentola)

 

(Tobia)

 

Ok..allora io vado…

 

(Notorius si voltò verso il ragazzo)

 

Ascolta…Tobia…stasera…

 

(Tobia)

 

Si..lo so..lo so…non ti ci mettere anche te…ora sarai contento…

 

che avremmo due demoni in casa…

 

giusto per le pulizie no?

 

(Notorius)

 

Non è quello..signorino…le volevo dire…

 

(Notorius cambiò di nuovo aspetto diventando un grillo)

 

(Notorius)

 

Quello che le volevo dire..signorino…è che…evocare…non è un gioco…non sottovaluti la cosa…

 

deve essere veramente convinto..di ciò che sta facendo…

 

(Tobia)

 

Grazie..Notorius…torna a cucinare su…e con forma diversa….per favore…

 

(Notorius mutò di nuovo in uno strano essere tentacolare)

 

(Tobia)

 

Ecco bravo….

 

così fai prima…che ho fame….

 

fine della seconda parte

 

 

 

 

 

 

3

 

(L’evocazione)

 

 

 

Amore barlocco..mio…sei pronto?

 

(Tobia)

 

Si mamma…credo di si…

 

-Allora io esco con Notorius..vado a fare la spesa..all’ingrossario ok?

 

(Tobia)

 

Ok…vado su in camera…e faccio quello che devo fare…

 

tieni le dita legate per me….

 

 

-Che sia..una utile evocazione…fallo per la famiglia…Barlocco…mio…

 

(Tobia)

 

Si..si..ovvio…un demone…utile..per la corretta gestione familiare…

 

andate …andate…e te Notorius…non mi guardare preoccupato…

 

ti arriva l’aiuto a casa..ti arriva…

 

(I due se ne andarono)

 

(Tobia salì in camera e prese il nuovo libro che un tempo era di suo padre)

 

(Tobia)

 

Vediamo…ok..l’introduzione…già è una preambola…

 

si…si…

 

(Tobia lesse)

 

Per evocare un demone…ci vogliono..tre soluri..

 

ce l’ho…

 

poi…

 

disegnare con il silicio focale…quattro lati nella stanza…

 

di due metri per due…

 

ok..ok..poi…

 

accendere 8 ceri…e disporli secondo la luce del rimbalzo…

 

ok..anche questo lo so fare…

 

(Tobia gettò il libro sul letto)

 

Uff…che palle..leggere…

 

(Poi lo riprese)

 

Dunque…

 

classificazione demoniaca…

 

la classificazione demoniaca si distingue in base ed al valore di chi evoca…

 

l’evocato percepisce il richiamo….

 

si..si..so anche questo…

 

io come minimo…che so poco capace..evoco…se mi va bene..un sotto demone…di livello gurale..

 

leggiamo qua..che pare interessante…

 

ci sono vari tipi di demoni…

 

i più classici..sono quelli casalinghi..

 

i demoni casalinghi sono utili..per le faccende domestiche,

la spesa

e il trasporto

casa

lavoro

lavoro

casa

 

(Tobia annuì)

 

Questo sarebbe perfetto…così smettono di lamentarsi…quei due…

 

(Poi proseguì la lettura)

 

Un tipo di demone superiore al casalingo è il demone gestionale..

 

capace di arredare la casa con tanti suppellettili..oltre che fare le classiche faccende domestiche…

 

(Tobia scosse la testa)

 

Va be…

 

(Poi continuò a leggere)

 

i Demoni del terzo strato..sono i cosiddetti demoni tutto fare…

 

oltre alle classiche faccende domestiche..e gestionali..

 

possono clonarsi a loro piacimento o su richiesta comprendendo l’intera sfera familiare…

 

chiamati anche demoni mutevoli o cangianti

hanno un carattere difficile e bipolare..

 

(Tobia sbuffò)

 

Ecco..ci mancava il bipolarismo…

 

vediamo…

 

un ‘altro tipo di demone più elevato è

il Coriglione!

 

Un demone abile in battaglia ma di carattere irruento e poco dominabile..

 

(Tobia chiuse il libro)

 

Si..figurati se evoco…un Coriglione…così mi distrugge casa…

 

(Poi continuò a leggere)

 

Detti demoni..sono del quarto strato…

 

è bene sapere che ogni demone riesce a vedere non oltre uno strato dal suo di appartenenza…a parte rari casi..

 

i demoni…Visionatori..

 

che riescono a vedere tutti e sette gli strati demoniaci…

 

(Tobia tra se e se)

 

A me servirebbe solo uno casalingo…niente di che…

 

(Continuò la lettura)

 

I demoni del quinto strato vengono denominati:

 

“I caotici”

 

In quanto tendono ad annientare ogni cosa al loro passaggio;

quelli più calmi..si limitano solo a gettare in aria le cose e lasciarle per terra.

 

(Tobia)

 

No..no…questi no…

 

che dice?

 

Questi demoni..abili in battaglia hanno una grande capacità decisionale…e sono difficili ad essere sottomessi al volere dell’evocatore..

 

(Tobia)

 

Figurati…

 

Nel sesto strato vivono..i Demoni di alto rango..

grandi combattenti

grandi condottieri

nobili

di sangue reale

e possidenti

 

(Tobia chiuse il libro)

 

Mio padre…evocò Mandragora…era di sesto strato…

 

pazzesco…

 

(Tobia lesse un paragrafo piccolo piccolo)

 

Questi demoni…dato il loro grado e levatura non sono capaci di farsi dominare

 

(Tobia)

 

Ed allora come fece mio padre? Bo?

 

Nell’ultimo strato..a noi conosciuto…

 

(Tobia)

 

Come a “A Noi conosciuto?”

 

Poi rilesse..

 

“Nell’ultimo strato a noi conosciuto;

il settimo vivono demoni non ancora classificati.

 

Nessuno fin dati tempi delle guerre incise ed ancor prima,

è mai riuscito ad evocarne alcuno

ne

crediamo

alcuno è mai apparso al cospetto del nostro mondo.

 

(Tobia)

 

Wow…stai a vedere lo evoco.io…..va be….!!!

 

(Tobia girò un po di pagine)

 

Oh..

 

evocazione….

 

“Per evocare il demone a noi preposto aprire il proprio cuore…e la propria testa a ciò che vorremmo veramente”

 

(Tobia)

 

Ok..questo è facile…

 

voglio un demone casalingo..

 

voglio un demone casalingo…

 

poi…che devo fare?

 

“Spegnere ogni luce nella stanza “

 

(Tobia spense le luci dei ceri)

 

Fatto!

 

“Ripetere queste parole”

 

“Io ti evoco demone!”

 

(Tobia)

 

Io ti evoco Demone.

 

“Perché tu possa vivere insieme a me in pace ed armonia”

 

(Tobia)

 

Perché tu possa vivere insieme a me in pace ed armonia.

 

“Perché tu possa rispettare me ed io te ;

nella mansione dei propri ruoli”

 

(Tobia)

 

“Perché tu possa rispettare me,

ed io te nella mansione dei propri ruoli!

 

Che è sto rumore?

Ah..non è finito…

 

“Io ti evoco Demone e così sarà per sempre;

finché la possessione non ci disunisca o ci annienti insieme”

 

(Tobia)

 

Ma..va be..

 

Io ti evoco Demone e così sarà per sempre;

finché la possessione non ci disunisca o ci annienti insieme!

 

(Tobia Chiuse il libro)

 

Fatto!! Ora vediamo..chi arriva…ed incrociamo…le dita…

 

(Non successe niente)

 

(Poi)

 

(Camporello)

 

(Tobia)

 

Chi suona adesso?

 

Un attimo…eh…

 

(Il camporello suonò ancora)

 

(Tobia)

 

Accidenti..mi rovinano l’evocazione…cavolo…

 

vengo..vengo….

 

(Tobia aprì la porta)

 

(Una ragazza all’uscio)

 

(Tobia)

 

Desidera? Se vende ciplioteche ne siamo pieni..

 

-Piacere..sono giunto…

 

ce l’hai fatta…

 

(Tobia)

 

Eh?

 

-Si..sono io…il tuo demone personale…mi hai chiamato…ed io ho risposto…

 

il mio nome è Leonardo…e puoi benissimo chiamarmi Leo..

 

(Tobia)

 

Scusa…scusa…c’è qualcosa che mi sfugge…

 

primo..non dovevi apparire…nella mia stanza….?

 

(Leonardo si osservò delicatamente le mani)

 

Pff…apparizioni di routine…noiose…

 

(Tobia)

 

Ah..ok…non lo sapevo…

 

(Leonardo fece il finto sorpreso)

 

Ma va?

 

Seconda cosa? Che volevi dirmi capo!

 

(Tobia)

 

Non chiamarmi capo…

 

seconda cosa…sbaglio..o sei…femminea..?

 

(Leonardo)

 

Dici?

Maschialata, femminea…che cambia…

 

sono il demone che hai voluto…

 

piacere Leonardo…

 

(Il demone allungò la mano)

 

(Tobia stette per stringerla)

 

(Leonardo)

 

Sciocco!! Ma l’hai lette le regole?

 

(Tobia)

 

No..dove? Che regole?

 

(Leonardo)

 

Prima regola: non stringere mai la mano ad un demone…

 

(Tobia)

 

Ah..non lo sapevo…che sarebbe successo?

 

(Leonardo fece spallucce)

 

Niente…

 

ti piacciono le mie parvenze?

 

(Tobia)

 

Ho capito…sei di strato maschilico ma ti piace differenziare la forma?

 

(Leonardo)

 

No..sono così…ma posso apparirti anche in altri modi…

 

(Ed il demone velocissimamente muto in sedici cose diverse l’una dall’altra tra cui un caprone polango)

 

(Tobia)

 

Aspetta! Aspetta…sei troppo veloce….ma che demone ho evocato?

 

Sei potente?

 

(Leonardo ammiccò un sorriso)

 

(Leonardo)

 

Dei più potenti capo…guarda come ti allungo le pondelle!

 

(Tobia si voltò imbarazzato)

 

Emm..non è necessario..che allunghi quelle cose…che già di loro..sono sporgenti…parecchio…

 

(Leonardo)

 

Ecco il mio curriculum…questa è la seconda regola…che te ovviamente non sapevi…

 

(Tobia)

 

E cioè?

 

(Leonardo si grattò sotto l’addome)

 

E cioè mostrare di me le imprese ed i lavori sino a d oggi..compiuti..

 

le referenze demoniache no?

 

(Tobia prese quella lunghissima perfalemma)

 

(Tobia)

 

Argolo!! Però!! Combattuto a fianco di re…braccio destro di Palimicolo

 

(Leonardo si soffiò sulle dita)

 

Già…in pratica…io comandavo..lui eseguiva…pensa un po…

 

 

(Tobia)

 

Ma parli..di Palimicolo il famoso imperatore delle balaustre sospese?

 

(Leonardo)

 

Si..si..lui..è chi altri…e guarda..li…ho partecipato..ad ogni tipo di guerra..quelle Incise…incluse..ovviamente…

 

(Tobia)

 

Ma sei vetone?

 

(Leonardo)

 

Ehi…!! Terza regola…non chiedere ad un demone quanti anni ha…

 

(Tobia)

 

Scusa…ma dove le trovo queste regole..?

 

(Il demone mutò forma e divenne un libro)

 

(Leonardo)

 

Qui…

 

(Poi tornò ragazza)

 

Hai uno Scrosciolo?

 

(Tobia)

 

Che ci fai?

 

(Leonardo)

 

Ci ho messo…un po ad arrivare..devo..espletare..non so se capisci…

 

(Tobia)

 

Ah..devi..splissare…

 

(Leonardo)

 

Si devo splissare…e farlo sul tuo delizioso viso giovanile…non mi va…

 

(Il demone aprì la parcana)

 

(Tobia)

 

Ma che fai?

 

(Leonardo)

 

Splisso…dove è?

 

(Tobia)

 

La…

 

(Il demone…andò in un angolo )

 

(Tobia)

 

Tu splissi nei muri?

 

(Leonardo)

 

No..osservavo la casa prima di entrare nello scrosciolo…

 

lascio aperto..tanto non mi vergogno…

 

sei il mio capo…

 

(Tobia rimase allibito)

 

Ma…splissa in piedi?

 

Non capisco…

 

scusa…Leonardo…

 

(Rumore di splissio)

 

(Leonardo)

 

Si? Capo?

 

(Tobia)

 

Nella confusione dell’evocazione…non ho capito..di che genere…di che strato sei…

 

(Leonardo si voltò verso Tobia agitando Il Brodolo)

 

(Tobia)

 

Che schifo…che fai?

 

(Leonardo)

 

Dopo la plissata la scomputata…te come fai scusa?

 

Fine della 3 parte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

4

 

(Leonardo)

 

(Tobia guardò il demone)

 

(Leonardo)

 

Allora? Mi prendi?

 

(Tobia)

 

Perché posso rifiutarmi?

 

(Il demone divenne di nuovo un enorme libro le cui pagine sfogliandosi si fermarono in un punto)

 

Leggi…

 

(Tobia)

 

E’ facoltà dell’evocatore rigettare il Demone nell’abisso del nonnulla..se il Demone non si confà totalmente alle capacità espresse..

 

(Tobia)

 

Ah..è così facile..?

 

(Leonardo)

 

Leggi fino in fondo….

 

(Tobia)

 

Dunque..

 

Tale scelta implica pure la scomparsa dell’evocatore…

 

(Tobia)

 

Scomparsa in che senso?

 

(Leonardo tornò ragazza)

 

(Dopo aversi tirato su le prosperose pondelle continuò a parlare)

 

Ah bello…se cacci me..sparisci anche te…

 

fai la tua scelta…

 

mi prendi?

 

(Tobia)

 

Non credo di poter fare diversamente…

 

(Il demone si avvicinò al ragazzo)

 

(Tobia)

 

Che fai ora?

 

(Leonardo)

 

Ti stringo la mano….

 

(Tobia)

 

Ma non era…

 

(Demone)

 

Tutte..trafolate…ora siamo…uniti…

 

che si fa?

 

Ordini capo?

 

(Tobia rimase in silenzio)

 

Dunque..non c’è modo per cacciare un demone quando si è evocato…?

 

(Leonardo si ammirò le unghie quasi interessato)

 

No..te lo pigli..e via…finché non muori…

 

(Tobia)

 

Capisco…comunque…devo leggere meglio le regole…non ti pare…demone…?

 

(Leonardo)

 

A che fare…le so io…siamo una sola cosa no?

 

(Tobia)

 

Ok..vedremo…dimmi…sai mutarti in mezzo vero?

 

(Leonardo)

 

Che richiesta idiota! Certo che so…sono un demone…di alto livello…

 

(Tobia)

 

Fallo…

 

(Leonardo)

 

Faccio cosa?

 

(Tobia)

 

tramutati in mezzo…adesso…te lo ordino…!!

 

(Leonardo)

 

Oh..oh..frena…i cocenti pelucchi…ecco…che ci vuole…

 

(Il demone si trasformò in un triciclo)

 

(Tobia)

 

Ma mi prendi per il riarsolo?

 

(Il demone tornò ragazza)

 

Non hai espresso…che tipo di mezzo..oppure veicolo…

 

tu esprimi…io muto…

 

(Tobia)

 

Ok…diventa …

 

diventa…

 

Una Berari

 

(Leonardo)

 

Si..come no…qui?

 

Qui non posso…fuori..semmai…e poi perché una Berari? E’ costosa…che ci fai?

 

Mi tocca bere..un sacco per mandarmi…

 

(Tobia)

 

Cosa altro sai fare oltre a dirmi..cioncolate?

 

(Leonardo)

 

Tutto quello che desideri…io non dico cioncolate…sappilo…

 

(Tobia)

 

Puoi far rivivere i morti…?

 

(Leonardo)

 

Emm..questo…mi sfugge…

 

(Tobia)

 

Se sei così potente…

 

(Leonardo)

 

Scusa…torno nello scrosciolo…ho la vescica…camutata…

 

(Tobia)

 

Sei un demone…o cosa?

 

(Leonardo non l’ascoltò)

 

(Leonardo osservò il cielo distante)

 

(Poi si rimise il brodolo nella patta)

 

(e disse)

 

Usciamo..? Cosa mi tramuto nel mezzo che vuoi? Che qui l’aria si sta facendo pesante…

 

(Tobia)

 

Ma…devo presentarti..a mia mamma…e al demone casalingo di mia madre Notorius…

 

(Leonardo)

 

C’è tempo…

 

c’è tempo…dai vieni con me…

 

(Leonardo prese Tobia per un braccio e lo trascinò fuori)

 

Te l’ho mai detto di quella volta che..nella battaglia incisa…combattei contro…uno di quei demoni superiori…ma forte…ma talmente forte…che..

 

(A sfumare)

 

(Qualche minuto dopo)

 

(Nella stanza dell’evocazione qualcosa successe)

 

(Qualcosa di molto potente apparve a tratti)

 

(Poi sempre più definita)

 

(Un demone)

 

(Un demone di enorme possanza si stabilì tra i disegni fatti dal ragazzo)

 

-Chi..

 

chi ha osato chiamarmi?

 

Chi?

 

Chi ha osato portarmi in questo mondo..a me sconosciuto?

 

Chi?

 

(Il demone si guardò intorno)

 

-Nessuno?

 

Nessuno è così pazzo da evocarmi e poi fuggire…

 

nessuno….

 

chiunque sia stato ha infranto la regola principale…

 

mai…

 

mai lasciare un demone…da solo…

 

dopo averlo evocato…

 

mai….

 

mi chiedo…

 

chi di così potente possa essere riuscito in tale impresa…

 

e chi..di così stolto…sia fuggito alla mia vista…?

 

Non perdonerò…questo affronto…

 

chiunque tu sia…

 

non sai cosa hai evocato…

 

non sai chi sono io…non conosci le conseguenze di questo insulso gesto…

 

io sono…

 

Nemesis

 CONTINUA…..

fine della puntata

 

 

Check Also

Diario di Sara – Il fiore del male

1 Mi chiamo Sara, ho diciassette anni,ma un tempo mi chiamavo Maria Grazia poi Caterina,cambio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.