Attendo

 

Attendo da un tempo indefinito,
nell’impervio cammino Che conduce alla maturita ,
il tocco leggero del tuo palmo sul mio viso.

Attendo…

quell’agognato affetto a sigillo del patto di sangue che abbiamo stilato al nostro primo abbraccio,
quando lasciai l’ovattato silenzio d’un ancestrale amore, per immergermi nell’anemico mondo assordante e deludente.

Attendo….

l’insignificante gesto, nutrimento vitale di un’ingenua fanciulla che ti ha immaginato baldanzoso eroe e ti scopre fragile traditore.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.